10^dell’U.M.A. al Cogis prima della Queen

                                                                                                 “Aria di Queen”

Il 18 Settembre sull’impianto CogisKart di Corridonia (MC) si è consumata la 10a Tappa della Cup Race U.M.A targata E.N.D.A.S.- U.P.N..
Il Cogis, sempre impeccabile nei servizi, nelle strutture e nella manutenzione del tracciato, ospiterà presto la QUEEN CUP RACE (6-7-8 Ottobre, alla sua 6^edizione), manifestazione attesissima dagli appassionati che ormai hanno iniziato il conto alla rovescia.
In un panorama marchigiano in cui il kart di base era praticamente morto, è un sorprendente piacere vedere in pista tante persone e sentire nell’aria quell’entusiasmo precedente alla finale nazionale che non si respirava da tempo.
Una finale nazionale fatta per tutti, la cui iscrizione è gratuita e che ancora una volta porta E.N.D.A.S. sempre più vicino alle esigenze del Karting regionale.
Fortunatamente, nonostante le “minacce” della mattina, il meteo ha giocato a favore, regalando una giornata non troppo calda ma soleggiata.

I primi ad accendere i motori sono stati i piccoli della 50cc Top Comer, la cui vittoria è andata al Laziale Simone Mastronardi. Il pilotino è in gran forma, come mai prima d’ora ed è sicuramente uno dei pretendenti al titolo nazionale E.N.D.A.S. Dietro di lui la battaglia è al centesimo tra D’Amico, Salvini e Andrea Bruscino. Partiti nell’ordine, i tre pilotini si scambiano più volte le posizioni e alla fine di Gara 1 Bruscino scavalca Salvini.
In Gara 2 mentre Mastronardi vince incontrastato, Salvini beffa i due avversari e si va a guadagnare il secondo gradino del podio. 3° D’Amico.
Il campione nazionale
60cc S.Mini torna a vincere sulla sua pista: Francesco Astone ha una marcia in più e dopo aver guadagnato pole e doppia vittoria, sale sul gradino più alto. Alle sue spalle, il rivale più gettonato, Calista Stefano si trova imbottigliato nella bagarre con Emanuele Bruscino e Sorgiacomo.
In Gara 2 Calista recupera dal fondo e alla fine sale sul terzo gradino del podio, alle spalle del rivale Sorgiacomo. Bruscino invece, dopo essersi destreggiato bene nel gruppone, è il vincitore della
60cc Mini.
Emidio Pesce è ancora una volta il poleman della
125cc S.Tag. Al suo fianco si schiera Nicola Gervasi (TAG). Colpo di scena prima del verde, Pesce non parte. Gervasi quindi scappa e va a vincere Gara 1 incontrastato. Turriziani lo segue, mentre Carratelli e Cantelmi danno vita ad un duello davvero entusiasmante, vinto dalla giovane pilotessa Abruzzese.
In gara 2 Pesce non fa sconti: parte ultimo e recupera sorpasso dopo sorpasso, fino alla testa. Sale sul gradino più alto, insieme a Polinesi e Carratelli nell’ordine.
Gervasi è invece il vincitore della 125cc Tag; 2° Turriziani; 3° Cantelmi.
Christopher Teodori è il poleman della
125cc Rookie, ma allo start di Gara 1 Paolo Ripari si porta al comando delle operazioni. Teodori deve recuperare terreno e ci riesce, portandosi affianco al battistrada in un paio di occasioni. Il sorpasso non riesce e Ripari alza le braccia al cielo sotto la bandiera a scacchi. Lo scenario non si ripete in Gara 2: stavolta Teodori è molto più determinato, parte dalla 2° piazza, sopravanza Ripari e con tanta grinta va a vincere Gara 2. Ripari sale sul podio conscio di un’ottima prestazione. 3° Ivan 44.
Come sempre padrone di casa, M. Traini conquista la Pole Position della
125cc Over 35, ma in Gara 1 viene sopravanzato alla partenza da un’arrembante Daniele Buonpensiere (125cc Top Driver) che vince con margine sul poleman.
In Gara 2 Buonpensiere continua la sua cavalcata trionfale. L’unico possibile rivale è “Pio Nono” che però arriva con un ritardo di 3 secondi dalla testa.
Il podio vede quindi un ritornato Buonpensiere in alto; 2° Pio Nono; 3° Nico Rossi.
Più sfortunato è Traini, costretto al ritiro in Gara 2, che regala così la vittoria a Snike. 2° giunge Cingillo.
Curiosa e divertente presenza, la categoria
125 Storici, i cui concorrenti hanno corso in più sessioni cronometrate con dei kart degli anni 70/80 tenuti maniacalmente. Il più veloce è stato Mauro Poloni che sale sul podio con Coppetta e Pesaresi.

La promozione è la ricetta vincente di E.N.D.A.S.- U.P.N.. Si arriva in pista per fare sport e soprattutto per conciliare le esigenze delle persone con i tempi che cambiano. Il kartista di oggi non è il kartista di 10 anni fa e gli stessi kart di oggi non sono gli stessi di 10 anni fa. La disciplina cambia, si evolve ed è necessario che qualcuno renda possibile il divertimento di tutti in linea con i tempi e nei limiti del possibile. Perché lo sport DEVE ESSERE PER TUTTI.
Intanto nel paddock di Corridonia è sempre più palpabile l’aria da finale Nazionale e gli addetti ai lavori incrementano i ritmi di lavoro al fine di garantire alla manifestazione un clima magico.
QUEEN CUP RACE, stiamo arrivando!

Attachment